venerdì 21 giugno 2013

Colla - Irvine Welsh

TRAMA:Quattro ragazzi crescono insieme in uno squallido ghetto di Edimburgo. Sono Billy, Carl, Andrew e Terry, i protagonisti di questo libro. Insieme condividono le prime esperienze che contano: le pestate con gli hooligans, le sbornie violente, il sesso cattivo e la droga tutta, dallo speed all'ecstasy. Insieme crescono: Billy diventa un pugile; Carl un dj strafatto e famosissimo; Andrew un tossico sposato con Gail, ninfomane che lo pianterà; Terry un alcolizzato ossessionato dal sesso. Il loro mondo è tutto ai margini ma è anche un mondo in cui l'amicizia è l'unico legame, l'unica colla che tiene uniti anche i peggiori bastardi.

PUBBLICATO DA: Tea - pp 553

VOTO: 4

GIUDIZIO: Ho acquistato questo libro principalmente per staccarmi un po’ dal genere thriller e riavvicinarmi alla narrativa che non leggevo da tempo. Sono stato attratto dalle premesse affascinanti: quattro amici, la storia di una vita vissuta bene o male assieme, l’ambientazione dei sobborghi con quell’alternarsi di routine e avventura; insomma tutti spunti più che ottimi per dar vita a un bel romanzo appassionante e nel contempo ricco di spunti di riflessione anche attuali. Devo tuttavia precisare per dovere di cronaca, che era il primo libro di Irvine Welsh che leggevo e non sapevo nulla riguardo alla sua scrittura.
Nella prima parte del libro (Finestre ’70) si vengono a delineare le caratteristiche dei quattro
protagonisti che vengono presentati a partire dalle loro famiglie, quando essi sono ancora bambini.
 Poi nella seconda parte (Finestre ’80) i protagonisti sono adolescenti e affrontano le prime esperienze della vita che nel contesto in cui vivono sono principalmente il sesso e le risse allo stadio. Nella terza parte (Finestre ’90) i quattro sono ventenni ed ognuno di loro sceglie la propria strada: chi diventa pugile, chi dj, chi finisce nel giro della tossicodipendenza e chi lotta con la società per sopravvivere in qualche modo, ma alla fine del capitolo i quattro amici si ritroveranno per una gita alla famosa “Oktoberfest”.
Nella quarta parte (Finestre ’00) avviene un salto temporale, i quattro amici sono distanti per varie ragioni e sono ormai trentenni ognuno con la propria vita che porta qualcuno di loro lontano da Edinburgo. Infine gli ultimissimi capitoli contengono la conclusione delle vicende narrate in cui si tirano le somme nei rapporti tra i protagonisti e il ricongiungimento dopo molto tempo passato  ciascuno per conto proprio.
Di tutte le aspettative che poteva creare, il romanzo non rappresenta nulla di quanto ho premesso all’inizio. Sebbene vi siano i presupposti, quella che si va a leggere è una storia scritta con un linguaggio molto scurrile, ai confini del fastidioso. Penso che il ricorso a questo tipo di linguaggio sia appositamente voluto per consentire al lettore di immergersi in quella che è la realtà della gioventù e dello slang edinburghese. Tuttavia la lettura risulta veramente pesante in considerazione anche del fatto che i capitoli sono molto lunghi e senza paragrafi che consentano di fermarsi nella lettura e assimilare il contenuto prima di proseguire.
Se il contenuto poteva essere valido, credo che in questo romanzo sia sbagliata la forma. Certo, se l’autore avesse utilizzato un linguaggio meno scurrile, è ipotizzabile che non avrebbe trasmesso le stesse emozioni. Ma personalmente credo che debba sempre prevalere il buon senso e la giusta misura, cosa che qui non è avvenuta. Probabilmente sono io che non riesco ad apprezzare artisticamente questo tipo di scelte nella composizione del testo, ma davvero non riesco a cogliere un significato concreto in quest’opera, ne tantomeno un valore artistico o culturale ammesso che ce ne sia uno. Tuttavia è molto interessante leggere delle azioni-reazioni dei protagonisti in virtù dei loro quattro caratteri diversi, e anche cogliere il loro spirito di gruppo che prevale sempre, anche sui contrasti interni allo stesso, che si
vengono a creare. Si può concludere che Colla rappresenta una specie di diario che raccoglie in sé il vissuto di un gruppo di amici cresciuti assieme. Tuttavia lo raccoglie molto male.