sabato 12 luglio 2014

Il seggio vacante - J.K. Rowling

TRAMA:A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un’idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un’antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all’interno dell’amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze. Eppure, dalla crisi totale, dalla distruzione di certezze e valori, ecco emergere una verità spiazzante, ironica, purificatrice: che la vita è imprevedibile e spietata, e affrontarla con coraggio è l’unico modo per non farsi travolgere, oltre che dalle sue tragedie, anche dal ridicolo. 
J.K. Rowling firma un romanzo forte e disarmante sulla società contemporanea, una commedia aspra e commovente sulla nozione di impegno e responsabilità. In questo libro di conflitti generazionali e riscatti le trame si intrecciano in modo magistrale e i personaggi rimangono impressi come un marchio a fuoco. Farà arrabbiare, farà piangere, farà ridere, ma non si potrà distoglierne lo sguardo, perché Pagford, con tutte le sue contraddizioni e le sue bassezze, è una realtà così vicina, così conosciuta, da non lasciare nessuno indifferente.
PUBBLICATO DA: Salani, 553 pag.

VOTO: 8

GIUDIZIO:Non ho mai letto nulla della Rowling, famosa in tutto il mondo per la serie di romanzi dedicati ad Harry Potter; ma a me il genere fantasy non piace. Ho scoperto questo romanzo per caso, leggendo vari siti di recensioni. Tutte quelle che ho letto lo valutavano molto bene e si diceva chiaramente che non era collegato ad Harry Potter in quanto ambientato in un paesino dell’Inghilterra ai giorni nostri. Nulla quindi a che vedere con maghi e stregonerie varie, ma pura narrativa. Pertanto mi sono convinto all’acquisto, e da subito mi sono immerso nella lettura dell’opera.
A giudicare da quanto letto, il talento principale della Rowling sembra essere la caratterizzazione dei personaggi. Essi sono tutti molto ben definiti, con caratteristiche che li contraddistinguono e ben inseriti nel contesto e nell’ambientazione del romanzo.
Esso mette a fuoco il talento di narratrice della Rowling che ha saputo intrecciare una trama di relazioni complessa nello scenario di un paesino di periferia tranquillo e dove tutti si conoscono, in cui vi è fermento per l’elezione di un nuovo consigliere locale a seguito di un decesso.
L’evento scatenante quindi sembra essere banale e di poco conto, ma dietro esso si nascondono intrecci di varia natura che portano il lettore da un capitolo all’altro, trasportato dai vari personaggi tutti con la loro storia personale, i loro pensieri e le loro debolezze. Dal “sindaco” che vive solo per la sua città, alla moglie pettegola, al padre violento, ai sobborghi di periferia con famiglie problematiche, alla famiglia extracomunitaria amata e odiata … ce n’è davvero per tutti i gusti.
Non credo che sia facile scrivere un buon romanzo di narrativa, in quanto non è un giallo basato sulle indagini a seguito della morte dell’ex consigliere. Ma la Rowling ha saputo circondare queste elezioni per il famoso “seggio vacante” del titolo, con le vite dei protagonisti, ciascuno dei quali, chi per un motivo, chi per un altro, ha la sua fetta di interesse per l’esito delle elezioni.
Ma non è tutto, un altro punto di forza secondo me sta anche nel finale, nel quale, una volta terminate le elezioni e tutte le vicende ad esse collegate, la Rowling cerca di tirare le fila del romanzo con un evento sconvolgente che obbliga moralmente tutti i protagonisti a riunirsi. Nel suo talento, la Rowling non condanna i suoi personaggi per le loro colpe, ma offre spunti di riflessione sulle loro azioni e modi di essere condizionati più che mai dalla propria vita, dai loro sogni, dalla loro coscienza e ovviamente dagli interessi personali.
Un romanzo attualissimo e scritto magistralmente, che coinvolge il lettore nella realtà della cittadina in cui è ambientato, a tal punto che sembra di leggere un film.
Lo consiglio a tutti, senza esitazione.