giovedì 12 febbraio 2015

The code - Fredrik T Olsson

TRAMA:William Sandberg ha dedicato la vita alla lotta contro il caos, al trionfo della logica e dell'ordine, mettendo al servizio dell'esercito il suo incredibile genio matematico. Ai tempi della guerra fredda era uno dei massimi esperti mondiali nella decifrazione di codici; oggi, a poco più di cinquant'anni, è già pensionato: buona parte del lavoro in cui eccelleva può essere svolta da un banale computer in vendita al supermercato. Ma non è questo il problema. Il problema sono certi pensieri, neri e pesanti, che fanno male e lo trascinano sempre più giù, là dove l'esistenza non ha più senso. Il giorno in cui decide di dire addio a questo mondo, Sandberg vi si risveglia suo malgrado, e per ben due volte. La prima, è in un letto d'ospedale, dove i medici cercano di rimetterlo in sesto dopo il tentato suicidio; a salvarlo è stata la sua ex moglie, Christina, che nonostante tutto continua a preoccuparsi per lui. La seconda, è a bordo di un aereo, diretto in un luogo che non gli è dato conoscere, rapito da uomini dal fare né ostile né amichevole. Dicono di appartenere a un'organizzazione segreta che agisce per la sicurezza internazionale. Dicono di essere a conoscenza di una minaccia letale per il genere umano. Quello che non dicono è che hanno tenuto nascosto questo segreto per troppo tempo, e ora potrebbe essere troppo tardi. William Sandberg è la loro ultima speranza. Perché la chiave del mistero si cela in un luogo inaccessibile a qualunque macchina e la soluzione dipende da un'intuizione che nessun dispositivo informatico saprebbe eguagliare. Ciò che attende Sandberg è un viaggio nella struttura più profonda dell'essere umano, il suo codice genetico, perché proprio nel DNA è criptato un codice che va debellato come un virus. Ieri Sandberg sperava di non rivedere più la luce del sole; oggi, il domani dell'umanità dipende solo da lui. Per fortuna, il senso dell'umorismo non gli è mai mancato.

PUBBLICATO DA: Sperling & Kupfer (2014), 528 pagine 14,90€

VOTO: 0

GIUDIZIO:
Ho deciso di acquistare il romanzo per l’apparente somiglianza con quelli di Dan Brown. Ebbene devo purtroppo constatare che la somiglianza era solo apparente; non sono arrivato a metà libro: a 160 pagine ho deciso di abbandonare. Scritto male e con una trama che non si capisce: il protagonista rapito in un finto rapimento da una specie di organizzazione segreta per non si capisce quale scopo. Insomma un vero disastro. Sconsiglio la lettura.