venerdì 31 agosto 2012

Apocalisse Z - L'ira dei giusti petizione

Innanzitutto ben trovati amici del blog, in questo mese di Agosto mi siete mancati tuttavia le vacanze son finite,  proprio oggi sono tornata da Parigi e si riprende a pieno regime la vita di tutti i giorni.
Volevo partire parlando di una petizione che sta a cuore al mio ragazzo ma anche a tanti come lui appassionati della fortunata saga di zombie "Apocalisse Z".
Purtroppo la casa editrice Nord che ne possedeva i diritti ha deciso di stopparsi al secondo volume e di lasciarla quindi incompiuta, orfana di un finale per non si sa quale ragione.
Ovviamente i fan si sono ribellati e stanno cercando in tutti i modi di far cambiare idea alla Nord e proprio a questo scopo hanno aperto una pagina Facebook apposita.
Che dire vi chiedo di iscrivervi anche solo per solidarietà e chissà che questo non sia un buon motivo per appassionarvi anche voi a questa applaudita serie spagnola.
Vi lascio qualche info, un bacio a tutti!






VOL. 1 - APOCALISSE Z

Ha trent'anni. È un avvocato. Vive in una cittadina della Galizia, in Spagna. Come tutti, apprende la notizia dalla televisione: in una piccola repubblica del Caucaso, un gruppo di guerriglieri ha preso d'assalto una base militare russa. Un "normale" atto terroristico in una delle zone più turbolente e instabili del pianeta? Così sembra. Ben presto, però, s'insinua il sospetto che sia successo qualcosa di più grave. Qualcosa che non può essere controllato. Un'esplosione atomica? Un virus? Tra lo sconcerto generale, la Russia annuncia la chiusura delle proprie frontiere e, nel giro di pochi giorni, tutti i Paesi dell'Unione Europea fanno lo stesso. Poi intere città vengono isolate e messe in quarantena. Poi entra in vigore la legge marziale. Ma è tutto inutile. Ormai niente è più come prima. Non c'è elettricità, manca l'acqua potabile, la benzina è finita, gli scaffali dei negozi sono vuoti. Nessun uomo gira per le strade. Perché chi lo fa non è più un uomo. È diventato uno zombie. Ha trent'anni. È un avvocato. Vive in una cittadina della Galizia, in Spagna. E forse è l'unico sopravvissuto all'Apocalisse Z...



VOL. 2 -I GIORNI OSCURI

Sono rimasti in quattro: Viktor Pritchenko, l'indomito pilota d'elicotteri ucraino; suor Cecilia, la tenace e abile infermiera; Lucia, la bellissima e impulsiva adolescente; e lui, il giovane avvocato che ha raccontato l'Apocalisse Z su Internet. Almeno fino a quando c'è stata Internet. Adesso, mentre sorvolano la Spagna e l'Africa settentrionale, hanno la prova che la civiltà, come la conoscevano, è davvero finita. Ovunque. L'unica speranza sono le Canarie che, in base alle poche notizie disponibili, sono state risparmiate dall'epidemia che ha trasformato gli uomini in zombie. Ma, quando arrivano a Tenerife, i quattro sopravvissuti scoprono che il cosiddetto "Punto Sicuro" è in realtà un inferno: l'isola è sovraffollata; mancano cibo, acqua e soprattutto medicinali, indispensabili per l'ultimo ospedale ancora operativo. Ecco perché ai due uomini viene immediatamente ordinato di partecipare a una missione rischiosissima: recuperare le scorte di farmaci dell'Hospital La Paz di Madrid, uno dei primi Punti Sicuri a cadere sotto la pressione inarrestabile degli zombie. Il gruppo è quindi costretto a dividersi e, mentre Viktor e l'avvocato si avventurano in una capitale spettrale e irriconoscibile, Lucia e suor Cecilia rimangono sull'isola, dove scopriranno che esistono creature ancora più pericolose dei morti: i vivi...