sabato 1 ottobre 2011

Higlander, amori nel tempo - Karen Marie Moning


TRAMA:È conosciuto come “Il falco”, un predatore leggendario, invincibile sul campo di battaglia quanto nelle camere delle dame di tutto il Regno. A nessuna donna è possibile ignorare il suo fascino, ma mai nessuna è riuscita a scalfire il suo cuore… Fino a che un mago assetato di vendetta trasporta Adrienne de Simone dalla Seattle dei giorni nostri alla Scozia medievale. Prigioniera di un secolo troppo distante da lei, con la sua intraprendenza, i suoi modi diretti e sfrontati, Adrienne diverrà la sfida più ardua che “Il falco” abbia mai affrontato. E quando i due vengono costretti a sposarsi, Adrienne si ripromette di tenerlo a debita distanza: dopo anni di delusioni, lei non ha nessuna oglia di farsi abbindolare dall’ennesimo dongiovanni… Ma “Il falco”le ha promesso che presto non potrà fare a meno di sussurrare il suo nome, pregandolo di accendere quella passione così intensa, così diversa dalle altre… E questa volta lei dovrà ricredersi, perché anche il più duro dei predatori può celare la promessa di una felicità sconfinata. Ciò che non sanno è se il loro destino la contempla...

PUBBLICATO DA: Leggereditore

SAGA: primo delle serie Highlander composta da
1- HIGHLANDER AMORI NEL TEMPO (Beyond the Highland Mist)
2- TORNA DA ME (To Tame a Highland Warrior)
3- The Highlander’s Touch (inedito in Italia)
4- Kiss of the Highlander (inedito in Italia)
5- The Dark Highlander (inedito in Italia)
6- The Immortal Highlander (inedito in Italia)
7- Spell of the Highlander (inedito in Italia)
8- Into the dreaming ― novella nell’antologia Tapestry (inedito in Italia)

VOTO: 5.5

GIUDIZIO: Delusa delusa delusa. Mi aspettavo di leggere la storia di un grande amore che supera i confini dello spazio, del tempo e dell'anima e invece...invece mi sono trovata tra le mani una storia insulsa,banale e pieni di anacronismi storici(che il tè  il caffée fossero stati introdotti in Europa nel diciassettesimo secolo e non nel 1513 lo so pure io).
A quanto pare la Scozia dell'epoca era piena di figoni da paura con una nomea migliore di  quella di Casanova, e la gente del luogo era dotata di un pensiero da XX secolo.
Ridicolo l'espediente del time travel. Praticamente Adrienne viene catapultata indietro nel tempo (dal 1997 al 1513) sulle braccia di un lord del tempo e lei che fa? NIENTE. 
Nessuna crisi isterica,nessun pianto o ansia o reazione simile vengono attribuite alla nostra bella. Lei accetta passivamente il suo stato come se fosse una cosa normale. Questa cosa non mi va giù, ti pare normale che passi dalla tua epoca a una passata fischiettando? e poi la balla del secolo, lei che preferisce vivere nel mondo dell'epoca, mai che una volta si fa mancare qualcosa, che ne so, l'acqua corrente, il gas, le medicine, e tutti gli utensili della vita quotidiana che rendono la nostra epoca più evoluta.
Ma il motivo per cui il giullare delle fate e il suo Re,artefici di averla"rapita" dalla sua epoca a causa di una gelosia nei confronti del bello della storia (che conquista tutte le donne con la sua virilità coff coff, li dove non batte il sole, compresa la regina delle fate) è perché lei odia tutti gli uomini belli, e vorreste sapere perché lei odia gli uomini belli? perché un uomo bello l'ha usata per un giro di narco traffico; è come dire che odio gli uomini con il naso a patata perché uno di questi mi ha messa nel sacco, ma si può essere più superficiali? se seguissi questa logica non potrei più uscire con nessuno.
Poi ciliegina sulla torta Adrienne se ne va in giro a sparlare del marito(Hawk, il figaccione citato prima,che lei nella storia guarda caso è costretta a sposare) non concedendole favori se non il fatto di minacciarlo di mettergli le corna con lo pseudo fabbro(che in realtà è il giullare) senza che lui faccia NIENTE! fermiamoci un attimo a riflettere. Secondo voi è normale che in un epoca e in una nazione barbara come la Scozia del 1500 fosse permesso a una donna un comportamento del genere dal marito? no, si sarebbe presa una bella battuta  e sarebbe pure stata costretta a ringraziare. 
Concludo con un ultima critica, ossia all'inesistenza del background storico culturale. Ci si trova in Scozia ma l'autrice non fa niente per farci immergere in quell'ambientazione, di farci respirare i profumi, disegnando nella nostra mente i lineamenti delle loro montagne, delle coste frastagliate, e dei bellissimi laghi.Sarei potuta trovarmi anche in New mexico per quanto mi è dato sapere.
In conclusione, non mi aspettavo una storia magistralmente scritta come quella della Gabaldon, ma nemmeno una banalità simile che fa veramente pensare di aver buttato i soldi.

L'AUTRICE
Karen Marie Moning è nata nel 1964 a Cincinnati, Ohio. Ha conseguito una laurea di primo livello in Legge presso la Purdue University. Ha lavorato per dieci anni nel campo delle assicurazioni prima di licenziarsi per seguire il sogno di diventare scrittrice. L’autrice afferma che le parole l’hanno sempre affascinata, con il loro potere di creare e divertire, e che è una “drogata” di lettura fin dalla prima volta in cui la madre la portò in biblioteca: non ebbe scampo di fronte a tutti quei mondi che imploravano di essere esplorati. Quattro manoscritti e innumerevoli lavori part-time dopo, nel 1999 pubblica Beyond the Highland Mist con la casa editrice Bantam Dell. Il primo libro dell’acclamata serie “Highlader” viene nominato per due premi RITA e lancia la carriera di questa straordinaria scrittrice. I suoi romanzi, già tradotti in numerose lingue, sono apparsi nelle classifiche dei bestseller del New York Times, dell’Usa Today e del Publisher Weekly, sono stati in lizza e hanno vinto numerosi premi tra cui un RITA Award nel 2001 per Highlander’s Touch, il Romantic Times reviewers’ choice, diversi Romantica Hughie e PEARL. La serie Highlander: 1. Highlander. Amori nel tempo/Beyond the Highland Mist (1999) 2. To Tame a Highland Warrior (1999) 3. The Highlander's Touch (2000) 4. Kiss of the Highlander (2001) 5. The Dark Highlander (2002) 6. The Immortal Highlander (2004) 7. Spell of the Highlander (2005)