venerdì 28 ottobre 2011

Vessilli di guerra - Diana Gabaldon



Se le mie ultime parole non saranno ti amo, Sassenach, sarà solo perché non ne ho avuto il tempo

TRAMAClaire e Jamie hanno attraversato oceani e secoli per costruirsi una vita insieme, ma tensioni passate e presenti minacciano il sogno bucolico. E non solo il loro, ma anche quello della figlia Brianna, di suo marito Roger, e del loro bambino, Jemmy, così come tutti i membri del clan. La rivoluzione è imminente, Jamie è stato inviato dal Governatore della colonia a radunare una milizia per soffocare una rivolta locale. Rompere il giuramento con la Corona lo renderebbe un traditore, mantenerlo lo porterebbe a un destino funesto. Ha appiccato il fuoco a una croce, usandola come antico simbolo di appartenenza tra gli scozzesi di Fraser's Ridge, e ora ne è sotto l'ombra oscura. La croce di fuoco: un vessillo che non porta altro che sangue e guerra.

PUBBLICATO DA: Corbaccio

SAGA:  Nono libro della serie di Outlander composta attualmente da  Tredici volumi:


  •  1991La straniera (Outlander)
    uscita originariamente con il titolo Ovunque nel tempo per la Sonzogno 
  • 1992 - L'amuleto d'ambraIl ritorno (Dragonfly in Amber)
  • 1994 - Il cerchio di pietreLa collina delle fate (Voyager)
  • 1997 - Tamburi d'autunnoPassione oltre il tempo (Drums of Autumn)
  • 2001 - La croce di fuocoVessilli di guerra (The Fiery Cross)
  • 2005 - Nevi infuocateCannoni per la libertà (A Breath of Snow and Ashes)
  • 2010 - Destini incrociatiIl prezzo della vittoria (An Echo in the Bone)



GIUDIZIO: Bello, davvero bello. 
Questo libro racchiude tanto della storia di Jamie e Claire e di Brianna e Roger. 
Si imparano ad amare altri protagonisti oltre ai due storici; si piange si ride e si sta con il fiato sospeso. 
L'impiccagione di Roger è stata narrata in un modo magistrale; le emozioni all'interno di questo libro sono state descritte in maniera così nitida e chiara da poter far quasi perdere il senso della realtà in favore di un mondo talvolta più concreto di quello che ci circonda. 
Un applauso alla Gabaldon va fatto inoltre per il finale spettacolare di questo episodio. 
Il ritorno di Ian, il racconto di dente di foca, per terminare poi con la dolcissima scena finale.